7 suggerimenti per migliorare ogni stanza

Ultimamente ho chiacchierato con diverse amiche, alcune delle quali si sono dichiarate stanche della loro casa, di come è arredata: forse parte della sensazione che provano è dovuta al fatto che sono segregate da più di un mese, e io capisco il loro disagio.
Per non sembrare invadente, sono stata zitta ed ho aspettato l’immancabile richiesta di aiuto. 

Molte volte la sensazione che ricevo da una casa è quella di confusione, non di disordine, ma la mancanza di un’idea precisa, di una scelta di stile, la mancanza di praticità e l’accumularsi di oggetti che devono essere spostati per pulire, rendendo questo compito ancora più ingrato.

Non ci sono regole rigide nella decorazione di interni, specialmente se si tratta della casa in cui si abita e se non si vuole metterla in vendita; in questo caso raccomando sempre di seguire le proprie inclinazioni e di personalizzare come meglio si crede.

Ma se la tua casa ti sta stretta nonostante la metratura e non hai un posto dove ti senti felice puoi provare a cambiare qualcosa, seguendo alcune regole di base studiate e collaudate.

  1. Crea un punto focale

Un punto focale è quello che vedi immediatamente entrando in una stanza: occupa lo spazio principale e crea un punto fermo attorno al quale gira tutto l’ambiente. 

Può essere il letto, il divano, una grande finestra con un bel panorama o una grande opera d’arte. Per chi ce l’ha un bel camino!

Se ti capita di entrare in uno spazio che sembra scoordinato, è probabile che manchi un punto focale (o che ce ne siano troppi) e che il resto dei mobili non sia ben sistemato. Regolati di conseguenza. A volte basta togliere qualcosa.

  1. Definisci delle aree ben precise

Un altro elemento fondamentale che aiuta l’atmosfera di una stanza è creare aree di attività ben precise: zona pranzo, zona conversazione o tv, area ufficio, ingresso. Possono essere tutte nella stessa stanza, penso in questo caso a molte delle nostre case che hanno la sala con l’angolo cottura. Sono aree con una funzione ben precisa, e ognuna di esse deve coordinarsi con le altre. In questo caso si può ad esempio delimitare l’area cambiando il colore di una o due pareti, oppure inserire un tappeto che serve a tenere insieme, per esempio, l’area salotto.

  1. Utilizza mobili e complementi della giusta misura

Attenzione alle dimensioni della stanza: se hai un salotto piccolo compra un divano piccolo e semplice, non tappare la portafinestra con un divano ad angolo. E poi aggiusta le proporzioni di conseguenza: un grande salone con un grande divanone richiede un tavolino grande posizionato davanti, mentre in un salotto di dimensioni più ridotte probabilmente basta un comodo 2 posti con un piccolo tavolino a fianco, che lasci libero il passaggio. Tieni inoltre in considerazione i materiali e le altezze, i complementi tutti alti uguali o dello stesso colore risultano noiosi. Neppure i comodini non devono essere necessariamente uguali!

Finita questa prima fase osserva il tutto: ci deve essere spazio in cui passare e ogni oggetto deve avere abbastanza respiro da poterlo apprezzare: gli spazi vuoti rendono la stanza più accogliente ed ariosa.

  1. Le luci

Forse una delle cose più difficili da posizionare: quelle a soffitto sono praticamente obbligate, ma una bella illuminazione ti aiuterà a delimitare le zone e creare atmosfere confortevoli, quindi prendi in considerazione la possibilità di utilizzare lampade da tavolo sulle scrivanie, abat jour sui comodini o sui tavolini a fianco al divano, quelle bellissime lampade ad arco che stanno tornando di moda. 

Usa lampade a basso consumo a luce calda e vedrai come migliora l’atmosfera!

  1. Qualcosa sui muri:

Se hai già fatto i passaggi precedenti sei a buon punto; non vanificare tutto ora. Appendi quadri o oggetti (o gruppi di questi) che siano proporzionati rispetto alle pareti. E soprattutto tieni conto che i quadri devono essere alla giusta altezza rispetto a chi guarda, quindi idealmente il centro del quadro deve essere all’altezza degli occhi dell’osservatore.

  1. Crea dei punti di interesse

Finito di sistemare i mobili è ora di creare qualche area di interesse: qui ti puoi veramente sbizzarrire a decorare tavolini, il tavolo della sala, la consolle d’ingresso e librerie con gli oggetti più disparati e cambiarli insieme al tessile col variare delle stagioni. Utilizza libri, oggetti, cristali, piante, decori. Senza esagerare. 

7. Non aver paura di usare il colore

Se ti va di aggiungere qualche tocco di un colore forte, perché no? I colori forti sono fantastici per dare carattere e quindi una parete colorata o una serie di cuscini nuovi possono fare meraviglie. L’importate è non esagerare col numero dei colori alle pareti per non dare alla casa l’aspetto di Arlecchino. 

Se hai bisogno di un consiglio per risistemare la tua casa, come home stager professionista ti posso aiutare a trovare il tuo stile e suggerirti cosa cambiare senza spendere una fortuna. 

Chiama ora e scopri cosa posso fare per te, anche da remoto.

Leave a comment